24 Settembre 2021
news

Il Romeo Menti

12-06-2016 22:31 - ULTIMI AGGIORNAMENTI
All´inizio si passava a piedi sopra la "parancola", passerella ardita che congiungeva il "di quà" (tutta Caldine) con il "di là" che comprendeva il campo sportivo, la casa del Mollitti, i Poggioloni con San Bastiano e poco altro. In macchina invece si doveva attraversare il guado (50 metri a monte della parancola) anche quando l´acqua del Mugnone ci passava sopra; molti passaggi indenni dei nativi, qualche disgrazia fra i "foresti". Al glorioso Romeo Menti si accedeva dalla parte dei cipressi; la biglietteria era ricavata da una baracchina donata da Alfredo Pieralli (il fioraio); nottetempo, poi, mani ignote avevano costruito all´interno un perimetro in muratura per renderla più stabile. C´era la tribuna coperta al Romeo Menti (con regolare certificazione di sicurezza...); le gradinate di grossi sassi provenienti dallo scavo di un´oliveta sotto l´Olmo; era stata fortemente voluta dal vulcanico Presidente Silvano "Fileppe" Corti. I sassi portati giù con il camion di "Fusto" (Giuseppe Sportolari). La copertura in tubi innocenti ed ondulato di metallo; il tutto sapientemente assemblato e costruito a regola d´arte da sapienti mani di operai Caldinesi. (continua...)

Fonte: gsc-press

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio